fbpx

Learn Anything Anywhere

“Facilitiamo la conoscenza in un mondo che si muove”

Lifelong Learning: le 8 competenze-chiave secondo l’Europa
lifelong learning

Lifelong Learning: le 8 competenze-chiave secondo l’Europa

Il futuro della formazione è nell'Apprendimento Continuo. Ecco cosa significa e perché è così importante.
Lifelong Learning: le 8 competenze-chiave secondo l’Europa

Abbiamo raccolto le competenze che l’EU ha individuato come fondamentali per l’istruzione di giovani e adulti e per lo sviluppo di un Lifelong Learning. Scopriamo di cosa si tratta.

Lifelong Learning: cos’è e come nasce?

Secondo i dati raccolti dalla Commissione Europea, un numero sempre maggiore di adolescenti non dispone di competenze sufficienti in materia di lettura, matematica e scienze. Alcuni stati membri contano 1/3 degli adulti fortemente carenti di competenze alfabetiche e di calcolo; il 44% dei cittadini europei non possiede competenze digitali sufficienti, il 19% di questi ne è totalmente sprovvisto.

Sulla base di questi dati, l’Europa ha lavorato nel tempo alle strategie con cui affrontare il gap di competenze e migliorare la situazione attuale dei paesi membri.

Il primo passo è stato istituire uno Spazio Europeo dell’Istruzione, lo strumento che prevede diversi interventi in ambito di alfabetizzazione digitale, educazione climatica, istruzione per gli adulti e tanto ancora. Tra le iniziative più importanti lanciate nell’ambito dell’European Education Area, troviamo il Piano d’azione per l’Istruzione Digitale e un nuovo approccio per il Lifelong Learning.

Per Apprendimento Continuo o permanente s’intende una formazione costante per tutti i cittadini, dall’infanzia all’età avanzata. L’aggiornamento costante delle proprie competenze (upskilling) in funzione dei cambiamenti della società e delle esigenze del mercato del lavoro.

Solo così è possibile favorire un sano sviluppo delle abilità ed un alto tasso di occupabilità per tutti, senza lasciare nessuno indietro.

Quali sono le competenze-chiave per il Lifelong Learning?

Adottare un apprendimento permanente permette di essere cittadini attivi e prendere parte alla società in modo equo ed inclusivo.

Per questa ragione, il Consiglio Europeo ha espresso una raccomandazione sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente, che definisce le otto competenze necessarie per la crescita professionale e personale di ogni individuo. Ecco quali sono:

  • alfabetizzazione
  • multilinguismo
  • competenze STEM (Scienze, Tecnologie, Ingegneria, Matematica)
  • competenze digitali
  • competenze trasversali ed interpersonali
  • cittadinanza attiva
  • imprenditorialità
  • consapevolezza culturale
Per favorire lo sviluppo di queste abilità, l’Europa incoraggia nuovi approcci all’insegnamento e all’apprendimento e nuovi percorsi formativi che mettono al centro le competenze.

Come acquisire le Competenze Digitali?

Tra le skills indicate dal Consiglio Europeo come fondamentali per garantire occupazione, inclusione sociale e crescita personale ci sono le Competenze Digitali.

Acquisire delle digital skills, infatti, è essenziale per poter svolgere attività con dispositivi informatici e farsi strada nel mondo del lavoro e degli studi, soprattutto in vista della Transizione Digitale.

Per questo è consigliabile conseguire una certificazione informatica, che oltre ad attestare le proprie abilità è valida ai fini dei concorsi pubblici, dei CFU universitari e di qualsiasi procedura di reclutamento per titoli.

La certificazione informatica IDCERT, per esempio, è riconosciuta dal MIUR ed è valida a livello europeo, il che la rende spendibile in ambito concorsuale e non.

Concludendo

Secondo l’Europa, il futuro dell’istruzione e dell’educazione dei cittadini è nell’Apprendimento Permanente, un complesso di competenze e abilità che permettono a tutti di formarsi in modo continuo e che favorisce l’inclusione sociale negli stati membri.

Nell’articolo abbiamo fornito tutte le informazioni su questo nuovo approccio all’istruzione e indicato le competenze-chiave che, secondo il Consiglio Europeo, non dovranno più mancare nel bagaglio di cittadini, studenti ed imprese.

Tra le competenze più importanti troviamo le digital skills, fondamentali per poter vivere e lavorare utilizzando le tecnologie digitali. Acquisire una certificazione informatica è il primo passo per diventare competitivi a scuola e a lavoro. 

La certificazione informatica IDCERT, infatti, permette di ottenere maggiore punteggio nei concorsi pubblici ed è valida per i CFU universitari; questo perché riconosciuta dal MIUR ed a livello europeo.

Si tratta del concetto di Apprendimento Continuo e favorisce una formazione costante e che duri per sempre.

A questo proposito, il Consiglio Europeo ha sviluppato un quadro di 8 competenze-chiave da acquisire per poter restare preparati e competitivi. Tra queste troviamo le Competenze Digitali.

Acquisire una certificazione informatica è utile per attestare le proprie digital skills ed ottenere un maggiore punteggio nei Concorsi Pubblici.

Il modo migliore per ottenere una certificazione è quello di seguire i corsi IDCERT che, essendo riconosciuti dal MIUR, permettono di conseguire una certificazione informatica valida ai fini delle graduatorie, dei CFU universitari e per tutte le altre procedure di reclutamento per titoli.

Saper utilizzare i dispositivi informatici a scuola, a lavoro e nella vita personale è essenziale per tutti i cittadini. In particolar modo per docenti, studenti, dipendenti della pubblica amministrazione ed imprese.

Lascia un commento

Required fields are marked *