fbpx
Agevolazioni e Iniziative
Partnership
Stay Connected

Learn Anything Anywhere

“Facilitiamo la conoscenza in un mondo che si muove”

Pubblicati tutti i bandi Ata 24 mesi: ecco dove trovarli
copertine-articoli

Pubblicati tutti i bandi Ata 24 mesi: ecco dove trovarli

Tutti i chiarimenti necessari
Pubblicati tutti i bandi Ata 24 mesi: ecco dove trovarli

A partire dal 10 maggio 2024 gli Uffici Scolastici Regionali renderanno pubblici i bandi di concorso ATA 24 mesi. Potranno presentare domanda sia nuovi aspiranti sia coloro che, già inseritisi precendentemente, confermano e/o aggiornano la loro posizione all’interno delle graduatorie.  

Queste, infatti, sono formate esclusivamente grazie alla valutazione dei titoli e saranno finalizzate all’attribuzione dei ruoli e delle supplenze nell’anno scolastico 2024-25.

Come evidenziato nella nota del 19 aprile, i bandi devono recepire le novità introdotte dal nuovo CCNL, quindi il passaggio automatico al nuovo sistema di classificazione ATA a partire dal 1 maggio 2024.

Nell’allegato A del CCNL vengono elencate le aree con i relativi profili professionali, i titoli di accesso e le mansioni.

Ciononostante sono ancora numerosi i dubbi che affligono gli aspiranti. Tra questi i maggiori riguardano:

  • la figura dell’operatore scolastico;
  • l’accesso con certificazione internazionale di alfabetizzazione informatica;
  • la riserva del servizio fino a giugno 2024.

Attraverso questo articolo, ci proponiamo di esaminare approfonditamente tutti gli argomenti, per fornirvi una chiara panoramica in merito e dissipare qualsiasi dubbio. 

Sedi di lavoro

Le graduatorie ATA 24 mesi sono valide per tutte le regioni italiane, escluse la Valle d’Aosta e le province autonome di Trento e Bolzano (Trentino Alto Adige). Queste ultime organizzano procedure concorsuali separate per creare le graduatorie permanenti provinciali di prima fascia.

In breve, i bandi di concorso Ata 24 mesi interesserà le istituzioni scolastiche situate in Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Molise, Puglia, Toscana, Sicilia, Lazio, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Sardegna, Marche e Umbria.

Domande dal 10 al 30 maggio

Sarà possibile presentare domanda di accesso alle graduatorie ATA 24 mesi a partire dalle ore 9.00 del 10 maggio 2024 fino alle ore 14.00 del 30 maggio 2024.

Le domande di ammissione potranno essere presentate, a pena di esclusione, unicamente in modalità telematica attraverso il servizio Istanze on Line (POLIS) o, in alternativa, direttamente dall’home page del sito internet del Ministero .

Attenzione: alcune regioni hanno già aperto le candidature; qui di seguito l’elenco che provvederemo ad aggiornare con le nuove pubblicazioni.  

Friuli Venezia Giulia 

Toscana 

Piemonte 

Molise 

Marche 

Sardegna 

Umbria 

Abruzzo

Basilicata

Campania 

Lombardia

Calabria

Emilia Romagna

Liguria 

Puglia

Sicilia

Lazio

Piemonte

Veneto

 

Requisiti ATA 24 mesi

I requisiti generali per accedere alle graduatorie ATA 24 mesi sono di seguito riportati: 

 

  • Essere in servizio come personale ATA a tempo determinato statale nella stessa provincia e nel medesimo profilo per cui si concorre.
  • Oppure essere inclusi nella graduatoria provinciale ad esaurimento o negli elenchi provinciali per supplenze, nella stessa provincia e nel medesimo profilo.
  • Oppure essere inseriti nelle graduatorie di circolo o d’istituto di terza fascia per supplenze temporanee, nella stessa provincia e medesimo profilo.
  • Aver accumulato almeno 24 mesi di anzianità di servizio, anche non continuativi.
  • Possedere il titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo concorso (diploma, qualifica professionale o laurea).
  • Coloro che desiderano aggiornare il punteggio o i titoli di preferenza e/o riserva devono già essere inclusi nella graduatoria permanente nella provincia e nel profilo professionale in questione.

Chiarimenti necessari: l’operatore scolastico

Poiché il requisito minimo per essere ammessi in queste graduatorie è un’anzianità di servizio di almeno 24 mesi, è improbabile che qualcuno possa già soddisfare tale criterio per una nuova figura professionale come, in questo caso, quella dell’operatore scolastico.  Pertanto, l’inclusione in queste graduatorie non sarà possibile quest’anno ma solo in futuro. 

Chiarimenti necessari: la riserva del servizio al 30 giugno 2024

Nella nota del 19 Aprile si legge chiaramente che in data 19 febbraio 2024 è stato approvato l’ODG della Camera dei Deputati n. 9/1633-A/32, con il quale si “impegna il Governo: a prevedere che l’attivazione delle procedure per l’aggiornamento delle graduatorie del personale ATA, con almeno 24 mesi di servizio, avvenga non prima del 15 giugno 2024; a valutare l’opportunità di prorogare, dal 15 aprile 2024 al 30 giugno 2024, i contratti per incarichi temporanei di personale ATA ausiliario.” 

Si invitano pertanto codesti Uffici a prevedere nei bandi di concorso la possibilità per gli aspiranti di dichiarare il servizio prestato entro il 30 giugno 2024 con incarichi temporanei.

Chiarimenti necessari: la certificazione internazionale di alfabetizzazione informatica come requisito d’accesso

In ogni caso, la novità della certificazione informatica, quale titolo di accesso insieme al titolo di studio richiesto per ogni profilo, riguarda solo la terza fascia.

Solo per quest’anno dovrebbe essere possibile inserirsi nelle graduatorie ata 24 mesi senza questo titolo Va da sé infatti che dal prossimo anno tutti dovranno essere in possesso di una certificazione internazionale di alfabetizzazione informatica poiché necessaria per accedere alla terza fascia 2024.

Concludendo

In conclusione, l’apertura delle graduatorie ATA 24 mesi rappresenta un’importante opportunità per coloro che aspirano a lavorare nel settore educativo. 

È fondamentale che i candidati interessati seguano attentamente le procedure e si preparino adeguatamente per garantire il loro inserimento nelle graduatorie.

Le nuove disposizioni introdotte riflettono gli aggiornamenti necessari per adattarsi alle esigenze moderne dell’istruzione, promuovendo al contempo lo sviluppo professionale e la crescita personale dei candidati qualificati.



Loading

Lascia un commento

Required fields are marked *